Spedizione gratuita per ordini di almeno 99 Euro

1940 FIRENZE Raffaello RAMAT Biglietto autografo per Gerolamo LAZZERI

1940 FIRENZE Raffaello RAMAT Biglietto autografo per Gerolamo LAZZERI

Altre viste

Prezzo di listino: 32,00 €

Prezzo speciale: 28,80 €

Aggiungi alla Wishlist
Codice:
C-001643
Data:
1940
Dimensioni:
3 novembre 1940
FIRENZE

RAFFAELLO RAMAT RINGRAZIA GEROLAMO LAZZERI PER L'INVIO DEL LAMENTO DELLA SPOSA PADOVANA

Biglietto da visita con messaggio autografo di Raffaello Ramat a Gerolamo Lazzeri per ringraziarlo del dono del testo del Lamento della sposa padovana:

``…è
molto bello, e non soltanto sentimentalmente, riprende le oneste e cortesi consuetudini dei nostri letterati antichi…''.
Su biglietto da visita di Raffaello Ramat.
Biglietto viaggiato.

Biglietto autografo di Raffaello Ramat

In buone condizioni

Autografo d'epoca, originale, autentico.

NOTA DEL CONTESTUALIZZATORE

Il Lamento della sposa padovana è un frammento del secolo XII proveniente da un poemetto di genere cortigiano. Probabilmente imitato dal francese, canta l'amore di una donna per il marito combattente in Terrasanta ed è uno dei più antichi testi giullareschi della letteratura italiana. Nel 1941 fu musicato da Silvio Omizzolo e assunse un significato civile di impegno contro la guerra.

Raffaello Ramat (1906-1967), critico e storico della letteratura italiana. Nel 1936 fondò e diresse a Firenze «La Riforma Letteraria» e fu condirettore, con Alberto Carocci, della rivista «Argomenti». Nel 1942 e nel 1944 fu arrestato e condannato al confino per la sua attività di antifascista. Fu partigiano e dal 1945 al 1959 svolse un'intensa attività politica prima nel Partito d'Azione e poi nel Partito socialista. Professore all'Università di Firenze, dal 1961 al 1964 fu anche Assessore alle belle arti e alla cultura del Comune fiorentino.

Gerolamo Lazzeri (1894-1941), è stato una complessa figura di intellettuale ``puro'': attivissimo politicamente, giornalista, saggista, traduttore, editore, fu in contatto con i più importanti personaggi della cultura del suo tempo.
torna in alto